Percorso Pessoa

Se dovessimo riassumere la vita di Fernando Pessoa in una parola sola questa sarebbe "inquietudine". Angoscia, inquietudine, tra altri sinonimi, presero il sopravvento del quotidiano del poeta che trovava in tutti gli angoli di Lisbona dei porti sicuri per il suo strano modo di vivere. Fra caffetterie e uffici inventava uno spazio per creare la vita parallela che avesse più senso per lui.

Giochiamo ad esistere

"Giochiamo alle vite" è stato l'aspetto più significativo del poeta. Il mondo letterario ha chiamato eteronimi i personaggi creati da Pessoa. Tuttavia, tra gli oltre 70 nomi, solo quattro si distinguono: Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Álvaro de Campos e il semi-eteronimo Bernardo Soares.

Sono state diverse le ragioni riconosciute per la creazione degli eteronimi (e la genialità dell'autore è solo la principale). Alcune persone considerano la morte di suo padre e quella di suo fratello Jorge, come i motori catalizzatori per la creazione dei personaggi. Ha difeso il bisogno del poeta di creare famiglie immaginarie, di fronte ad una specie di decadenza della sua. Oltre al problema della famiglia, l'ovvio e intenso bisogno dello scrittore di vedere il mondo attraverso gli occhi degli altri.

Un non-libro scritto da un uomo che non esisteva

"Sono le mie confessioni e, se in esse non dico nulla, è perché non ho nulla da dire" - così presenta il Libro dell'Inquietudine che ha scritto sotto il semi-eteronimo Bernardo Soares.

Il lavoro che iniziò ad essere scritto quando Pessoa aveva 25 anni, e che lo avrebbe accompagnato per il resto della sua vita, si sarebbe rivelato una sorta di labirinto in cui l'autore cercava di rispondere a domande del tipo "chi sono io?” o "come posso spiegare la realtà?”. In esso, coesistono più di 500 testi senza inizio, metà e fine. Solo dubbi esistenziali, domande senza risposta e un'inquietudine latente di chi non è mai riuscito a capire il mondo.